La pittura è una disciplina. Creare collegamenti tra diverse discipline è la mia ricerca. Pratico in pittura forme di assemblaggio e sovrapposizione. Per comporre uso materiali preesistenti come reperti fotografici/biografici, tessuto, pagine di un vecchio panlessico, legno. Per ottenere stratificazioni di materie lavoro con la spatola gesso, caolino e terre. Tra i diversi frammenti cerco un incontro, attuando soluzioni che verifico nel momento stesso in cui li vedo in azione.

un appiglio appena

ogni tanto ri prendo in mano spartito lessicale di guido ballo questo suo modo di scrivere in versi mi colpisce sempre direi che mi calma la mente e mi attiva i sensi questa volta è entrato in una mia tavola e ha fatto nodo.               

non soffocare la possibile espansione del significato

Due nuove opere datate giugno_2016. Ancora le materie cercano collegamenti interni. E sulla superficie si crea il caos. Linee di unione e separazione. Attraversamenti di sopra e di sotto. Fili che intercettano legano annodano e sciolgono. Il segno unisce e separa scompare riaffiora. E ancora il segno è sintomo di un desiderio. Che non si […]

mutevolezza

Quando un accadimento casuale interferisce con un’opera e la muta.

sintomo

Prima opera realizzata nel 2016. La tecnica è quella consueta, comporre con materiali eterogenei cercando una scrittura soddisfacente senza mai raggiungerla.

rosso di Cadmio

In origine una foto scattata da mio padre nel 1956. Bosco di castagni, Ranzo. Mia madre, sua sorella e io.

nei dettagli, quasi tutto

istantanea_conoscere / 2012. Sullo sfondo una palma in vaso. A destra la porta di casa. Giardino Grande a Cervo Ligure.

autoritratto

Sono per gli altri quello che ho fatto. Sono per me stessa quello che non ho fatto.