ho guardato venezia

01/08/2015

luglio_2015_ho guardato venezia dall’alto

deForma_09

26/03/2015

medea di reinaldo montero

13/03/2015

La Medea di Montero gioca la finzione della morte dei suoi figli e con essa la probabilità della disperazione di Giasone, come punizione e come effetto tragico della finzione.

natura morta bionda

12/03/2015

Ideato e realizzato da Pierangela Allegro per il progetto di Michele Sambin da solo a molti (2004). In una scena dai tratti grotteschi agiscono 5 performer. La loro azione ci suggerisce che la creazione artistica è un momento temporaneo, transitorio e mai definitivo.

sguardo doppio

12/03/2015

1961/ filmino famigliare otto millimetri/autore renato allegro; interprete sua figlia. 2013/ rielaborazione video di michele sambin. Proiettato su un muro di mattoni posto in fondo a un lungo corridoio in discesa all’interno del bastione impossibile di padova accoglie i visitatori della performance scritto dentro.

strappi da perdutamente

12/03/2015

Dalla finzione estrema all’estrema naturalezza. Sul tema dello sguardo e i suoi riflessi si muove una scena in cui tutte le arti convivono.

quando l’occhio trema

12/03/2015

Composizione di film e testi di Paolo Gioli in un montaggio per la scena. Ricomposizione testi e voce Pierangela Allegro. Alla batteria Enzo Carpentieri. Spazio scenico luci musica Michele Sambin.

lupus et agnus

12/03/2015

Due sono gli ambienti abitati spazialmente identici. Due stanze separate da un muro. Ogni stanza ha una porta. Le due porte si affacciano su un corridoio comune. Il muro prosegue nel corridoio e divide a metà una tastiera e il musicista. Lo spettatore a cui viene dato un oggetto di seduta entra fisicamente nell’opera.

scritto dentro

12/03/2015

lux

12/03/2015